it de
sitemap






La cröiscia
Ida Fumasoli


Una di quelle case dei pagani come si vedono sopra Malvaglia e sopra Dongio, esiste pure poco discosto dalla frazione di Casserio. Là, dice la leggenda, abitava una aria, metà donna e metà bestia, la quale usciva di sera e di notte a visitare i paesi ed a predare. Trovò una volta un bambino che giocava vicino a casa sua e lo invitò a seguirla promettendogli delle nocciuole. Giunta nella spelonca rinchiuse il bambino in un cassone in cui teneva noci e nocciuole e gli permise di mangiarne a sazietà. Dopo alcuni giorni lo chiamò dal buco della serratura e gli comandò di sporgere il suo dito mignolo per vedere se era diventato grasso. Esaminatolo, glielo fece ritirare dicendo: «è ancora magrino, è ancor magrino, è ancor magrino». Ritornò dopo altri pochi giorni e volle rivedere il ditino, ìl quale, questa volta, era grasso abbastanza e la cróiscia ne fece un boccone. Poi, aperto il cassone, si divorò tutto intero il bambino.

Torna all'elenco "cultura"

Coi Santi non si scherza
Il diavolo e San Pietro
Il piedino della Madonna
Il taglialegna del Sosto
L' alpe della Greina
La corona dell'Imperatore
La cröiscia
La filatrice di Curterio
La leggenda del Monte di Compietto
San Martino fonda la chiesa di Olivone
Print