it de
sitemap






CASA BAGGIO (DEI LANDFOGTI)

Malvaglia

Caratteristica casa d'abitazione del sec. XVI - XVII, interessante per le tracce di graffiti ed affreschi sulle pareti e per il portale in pietra. 


Sul piano tra il Brenno e la montagna dove si stende Malvaglia Rongie, una costruzione imponente domina le altre. È la Casa Baggio, chiamata anche Palazzo dei Landfogti.

Sembra infatti che l’antica famiglia Baggio, feudataria di Baggio, presso Milano, avesse una casa a Malvaglia già verso il 1415 e forse anche prima.

Nei documenti della Valle di Blenio dal 1450 al 1466, conservati nell’Archivio di Stato di Milano, ricorre frequentemente per esempio nel 1461 e nel 1466, il nome di "Ronziis" (corrispondente a Rongie) come sede del Vicario di Blenio. Si può pensare con una certa sicurezza alla residenza nel Palazzo Baggio. L’edificio attuale è però una ricostruzione, avvenuta verso la fine del 1500 o agli inizi del 1600, di quello più antico, danneggiato e forse distrutto dal lago formatosi con la frana del Monte Crenone del 1512. La seconda denominazione "Casa dei Landfogti", con la quale è iscritto nell’elenco dei monumenti storici, si basa sulla reale presenza di tale autorità, anche se non si sa esattamente quando e per quanti anni. Il trasferimento dei Landfogti dal Pretorio di Lottigna a Malvaglia è comunque attestato anche dai documenti del 1610: "Su proposta di Unterwalden viene discussa la possibilità, per cause diverse, di riportare la dimora del Landfogto di Blenio da Lottigna a Malvaglia dove già era prima". Esiste quindi anche la prova che essi risiedevano a Malvaglia in anni precedenti il 1610. La casa è stata certamente adibita a scopi ufficiali, forse anche a residenza di prelati. Di tale uso potrebbero far testimonianza gli affreschi ancora visibili.



torna all'elenco "monumenti e chiese"
 


Print